Il Blog del Leprechaun

Tieniti aggiornato sui contenuti del Blog del Leprechaun con i Feed RSS

Zoom: Ctrl+ Ctrl-  + -


Questo sito non usa cookies. Potrebbero usarli i siti utilizzati per il conteggio visite e per la ricerca in questo sito.
Verificate sui relativi siti (Addfreestats, Freefind) la situazione, se vi interessa.

Parole:

Fiscale :: Competitività :: Liberalizzazione :: Sovranità&Fiducia
Depressione :: Debito :: Rigore & co.  Lochescion&FunnyEngrish Mister Euro :: Rating&outlook :: Correlazione :: Meritocrazia

-----

Letture consigliate:

L'insolente redditività delle banche americane e la confessione tardiva di Deutsche Bank. 24/07/2013

Dipendenti e pensionati greci hanno pagato il prezzo più alto della recessione. 24/07/2013.

Unione Europea: Arroganza fuori luogo. 15/07/2013

Un sorriso con denti d'acciaio.  05/07/2013

Que reste-t-il de la démocratie dans l'Union européenne? 15/06/2013

Quello che "Alternative für Deutschland" non puo' dire. 28/05/2013

L'esperimento europeo è fallito. 16/04/2013

L'Euro è destinato a un inevitabile tracollo. 16/04/2013

Come ci hanno deindustrializzato. 29/04/2013

Ultimi post:

Il più letto: Il debito pubblico italiano, da dove viene fuori?


The Irish Times - Giovedì 24 Maggio 2012

===============

In questa sezione:

I prezzi degli immobili calati del 16,4% nel corso dell'anno

[Link all'articolo originale]

Irishtimes.com - Ultimo aggiornamento: Giovedi May 24, 2012, 13:54

CIARA O'BRIEN

Il declino del mercato immobiliare residenziale è continuato durante l'anno fino alla fine di aprile, secondo i nuovi dati dell'Ufficio centrale di statistica divulgati oggi.

Secondo l'indice Residential Property Price, che viene compilato dall'UCS sulla base dei dati sui mutui forniti dalle banche, il prezzo delle case è stato in media del 16,4 % in meno rispetto all'anno precedente. Questo segue un calo del 16,3 % su base annua in marzo.

Su base mensile, i prezzi sono diminuiti del 1,1 % dopo una breve pausa a marzo.

Dublino ha sostenuto il maggior peso del declino annuale, con un calo del 17,3 % annuo, rispetto al 16,1 % per il resto del paese. I prezzi degli appartamenti sono stati del 15,3 % inferiori.

Rispetto a marzo, i prezzi degli immobili sono dello 0,5 % superiori nella capitale, ma sono diminuiti del 2 % altrove.

Goodbody ha detto che c'è evidenza di un mercato che si sta sviluppando "a due velocità".

"Questa divergenza è stata evidente anche nella sua ultima indagine residenziale Daft.ie ,pubblicata all'inizio di questo mese, che indicava aumenti degli affitti nelle aree urbane di Dublino e Cork, mentre gli affitti altrove continuano a contrarsi", si legge in una nota.

"Tuttavia, in termini di prezzi di vendita Dublino ha registrato il calo più amèio, 57 % rispetto a un 47 % al di fuori della capitale, con gli appartamenti di Dublino che hanno le peggiori prestazioni dove, nonostante l'aumento dei prezzi negli ultimi due mesi, sono ancora al 60 % al di sotto del picco."

 Il capo economista di Bloxham, Alan McQuaid, ha dipinto queste cifre come "deludenti".

"Anche se i dati più recenti di marzo e aprile su Dublino vanno nella giusta direzione, non prevediamo alcun miglioramento significativo, complessivamente a livello nazionale, del mercato immobiliare fino a quando la situazione occupazionale non migliorerà, e non vedremo un ritorno a una sorta di 'normalità' nel credito dalle banche, cosa che sembra ancora lontana", ha McQuaid ha scritto in una nota.

"Molto è stato scritto di recente sulle case che ora sono di nuovo accessibili, ma a nostro avviso questo è irrilevante se si ha un tasso di disoccupazione di oltre il 14 % senza nessun segno di miglioramento. Dopo la flessione di quasi il 13 % dei prezzi delle case nel 2011, stiamo ora andando incontro ad un ulteriore declino due cifre nel 2012."

I prezzi degli immobili sono scesi del 50 % dal loro picco all'inizio del 2007. A Dublino i prezzi delle case, misurati dall'UCS sono diminuiti del 55 % e gli appartamenti restano al 60 % al di sotto dei livelli del 2007.

Nel resto del paese, i prezzi degli immobili residenziali sono scesi del 47 %.

La cifra reale potrebbe essere tuttavia molto più elevata, dato che l'indice non include le vendite in contanti.

============================

Calo delle polizze di assicurazione sanitaria

[Link all'articolo originale]

irishtimes.com - Ultimo aggiornamento: Giovedì 24 maggio 2012, 11:58

MARTIN WALL Corrispondente per l'Industria

Altre 75.000 persone potrebbero abbandonare la loro copertura assicurativa sanitaria privata entro la fine dell'anno, secondo quanto prevdere il regolatore per il settore.

Un nuovo rapporto pubblicato questa mattina da parte dell'Autorità delle assicurazioni sanitarie ha detto che alla fine di marzo c'erano 2,14 milioni di persone coperte da assicurazione sanitaria privata. Questo è un calo rispetto ai 2,3 milioni del picco del mercato alla fine del 2008.

La previsione autorità basate sulle attuali tendenze indica che il numero di abbonati scenderebbe di altri 75 mila nei 18 mesi da giugno 2011 a dicembre 2012.

Un sondaggio pubblicato dall'autorità oggi ha detto che il 23 per cento dei consumatori ha cambiato l'azienda di assicurazione di malattia in un momento o in un altro.

Il sondaggio ha inoltre indicato che l'accessibilità, l'impatto degli aumenti dei prezzi, la situazione occupazionale e le condizioni economiche generali hanno tutti conseguenze sulla fiducia dei consumatori verso l'assicurazione sanitaria privata.

Il cinquanta per cento degli intervistati nel sondaggio, che avevano cancellato la loro copertura, ha detto che il motivo della cancellazione è che i premi sono troppo elevati e che non potevano permetterselo.

Il sedici per cento di coloro che hanno lasciato il mercato assicurativo hanno riferito di perdita del lavoro e un ulteriore 11 per cento ha dichiarato di aver cancellato la copertura perché il loro datore di lavoro non la pagava più.


Tornare alla pagina "Irlanda"

Argomenti

Cronologia

Rassegna stampa internazionale

12/08/2012 Juncker sulla Grecia

10-12/09/2012  Grecia, Francia, BCE

13/09/2012 Elezioni in Olanda

15-16/09/2012 Draghi al Bundestag. Grecia, Spagna, PS francese.

17/09/2012 Manifestazione sindacale europea. Draghi. Francesi, tedeschi e Maastricht. Bulgaria, Polonia, e l'Euro.

18/09/2012 Il fiscal compact. Grecia: crollo del costo del lavoro.

24/09/2012 Alta tensione in Grecia.

29/09/2012 I "numeri" di Maastricht.

16/10/2012 Ma l'avete capito il fiscal compact?

18/10/2012 Perché l'Europa si dibatte.

27/10/2012 Oltre al "Grexit", anche il "Brixit"? Gran Bretagna fuori della UE?

05/11/2102 Portogallo: Il partito socialista dice no a 4 miliardi di tagli. Irlanda: i sindacati e il corteo anti-austerità.

14/11/2012 Scioperi e manifestazioni in tutta Europa.

19/11/2012 La presidente Brasiliana Rousseff: "l'austerità è un autogol"

01/12/2012 Il partito antieuropeo avanza nelle suppletive inglesi.

24/01/2013 Salvataggio della Slovenia: il premier non si dimette.

08/02/2013 La depressione degli eurocrati.

14/02/2013 Quarto trimestre negativo per la zona euro.

20/02/2013 Perché la crisi euro non è ancora finita

02/03/2013 Handelsblatt: La CDU accomanda agli italiani di tornare alla lira.

10/05/2016 Dubbi tedeschi sul debito pubblico della Germania

31/07/2016 Intervista di Ray McGovern alla Neues Deutschland

Poeti, scrittori, artisti
e altri visionari

Dati

Testate





Cerca nel sito


Lasciare un commento


 

Zoom: Ctrl+ Ctrl-  + -







Document made with KompoZer


link

I miei Link:

Zoom: Ctrl+ Ctrl-  + -

Mappa del sito - tutte le pagine